Studio Legale Aguglia - Lecce
Home Page Home Page
Lo studio legale Aguglia Lo Studio
Consulenza Legale On Line Consulenza LegaleOn Line
Dove Siamo Dove Siamo
Link Utili Link Utili
Contatti Aree tematiche / Articoli / News
Contatti Contatti
Privacy Privacy
 
   
AREE TEMATICHE / ARTICOLI / NEWS
[torna indietro]
DANNO CAGIONATO DA COSE IN CUSTODIA
08/02/2013

Il danneggiato deve  fornire la prova innanzitutto  dell'esistenza del rapporto di custodia  e poi di un  nesso causale tra la cosa in custodia e il danno che egli  asserisce di aver subito. Se il danneggiato offre tali prove il convenuto, per "scagionarsi", dovrà dimostrare il caso fortuito. La dimostrazione del nesso causale può non essere semplice  allorchè "il danno non sia l'effetto di un dinamismo interno alla cosa, scatenato dalla sua struttura o dal suo funzionamento, ma richieda che al modo di essere della cosa si unisca l'agire umano ed in particolare quello del danneggiato, essendo essa di per sé statica e inerte". Nel caso di specie  un passante  era inciampato in un cordolo lasciato da operai che stavano eseguendo lavori stradali, procurandosi delle lesioni. La Corte ha escluso la responsabilità dell'Ente (custode della strada) per i danni sofferti dal malcapitato, in quanto non si è raggiunta la prova che la condizione della strada fosse tale da configurare un oggettivo pericolo, anche in considerazione del "normale livello di attenzione esigibile dai passanti", posto che il danneggiato, abitando in loco, ben poteva conoscere la situazione dei luoghi quotidianamente frequentati, compreso il cordolo che ne aveva provocato la caduta. Cfr Cassazione civile Sez. III del  05 febbraio 2013, n. 2660

 

 

 
Home Page | Lo studio | Consulenza On Line | Dove Siamo | Link Utili | Contatti | Privacy
Copyright 2007 Studio Legale Aguglia
Realizzazione sito: Smartcom Srl - Lecce Realizzazione siti internet, Assistenza computer a domicilio, Installazione reti di computer - Lecce